venerdì 30 aprile 2010

Involtini di carne impanata con ripieno di formaggio al peperoncino e pomodori secchi



Sono buonissimi! :P

INGREDIENTI per 2 persone:

2 fette di fesa di tacchino
2 cucchiai di grana grattugiato
2 uova
formaggio al peperoncino (potete sostituirlo con un altro formaggio, tipo fontina)

pomodori secchi sott'olio sgocciolati

prezzemolo tritato
olio per friggere
pangrattato


PROCEDIMENTO:

In una ciotola sbattete le uova con il prezzemolo, pepe e il grana.
Con un pestacarne schiacciate le fettine tra due fogli di carta da forno, senza romperle. Stendetele bene sul piano di lavoro e farcitele con le fette di formaggio e i pomodori secchi tagliati a pezzetti. Chiudete a involtino arrotolando la carne e fermate con degli stuzzicadenti. Passateli prima nell'uovo e poi nel pangratto sigillando bene le due estremità con l'impanatura. A questo punto friggeteli in olio caldo e rigirateli  bene per dorarli da tutti i lati. Quando gli involtini saranno ben cotti su tutti i lati scolateli e tamponateli con carta assorbente da cucina e servite con una bella insalata mista!

giovedì 29 aprile 2010

Scaloppine al pomodoro


INGREDIENTI per 2 persone:

farina 00
2 fette di fesa di tacchino
1 scatola di pomodori pelati
1/2 bicchiere di latte
sale
1 cucchiaino di zucchero
prezzemolo
olio
1 spicchio d'aglio
1/2 bicchiere di vino bianco

PROCEDIMENTO:

Appiattite le fette di tacchino tra due fogli di carta da forno con un pesta carne e se volete tagliatele in 2 pezzi.Nel frattempo soffriggete in una padella l'aglio con l'olio.Infarinatele leggermente e mettetele in padella con l'olio caldo.Fatele cuocere da entrambi i lati, bagnate con il vino e lasciate evaporare.
Aggiungete la passata, mescolate bene e aggiungete un cucchiaino di zucchero (per togliere un pò di acidità del pomodoro), e aggiustate di sale.Dopo 3/4 minuti, quando il sugo comincia a sobbollire aggiungete il latte e lasciate asciugare per altri 5 minuti.

Servite subito con un pò di prezzemolo fresco tritato...io ho scaldato anche un pò di pane in forno per fare la scarpetta! :)

martedì 27 aprile 2010

Quiche Lorraine

In cucina la quiche è un tipo di torta salata inizialmente tipica della cucina francese.
Si prepara principalmente con uova e panna avvolti da un impasto a base di farina che si cucina al forno. La quiche lorraine (originaria della regione della Lorena, Francia) è la varietà più conosciuta di quiche.

INGREDIENTI:
1 confezione di pasta brisée (io in casa avevo la pasta sfoglia)
100 ml di panna da cucina
3 uova
100 ml di latte
150 g di pancetta a cubetti
noce moscata
sale e pepe nero macinato al momento

PROCEDIMENTO:

Foderate una teglia con carta da forno e la pasta (sfoglia o brisè), bucherellate con i rebbi di una forchetta la base. In una ciotola sbattete le uova, con la panna,il latte, il sale, abbondante pepe. Profumate con la noce moscata e aggiungete poi la pancetta. Versate il composto ben amalgamato nella teglia foderata con la pasta e cuocete in forno preriscaldato a 180° per 45 minuti.

Lasciate raffreddare, tagliate e fette e servite appena tiepida.

lunedì 26 aprile 2010

Spaghetti con pomodori ciliegini e pesto al basilico


Vi presento il mio piatto preferito. Adoro il sugo fatto con pomodori freschi, è il migliore secondo me. Le cose più semplici sono le più buone, non trovate?

INGREDIENTI per 2 persone:

200 g di spaghetti
15 pomodorini ciliegino
2 cucchiai di pesto
olio evo
sale
1 spicchio d'aglio

PROCEDIMENTO:

Lavate i pomodori e tagliateli a metà.
In una larga padella antiaderente scaldate un pochino di olio, quando è caldo soffriggete lo spicchio d'aglio sbucciato e schiacciato. Toglietelo quando sarà biondo e versate in padella i pomodori.



Fateli cuocere a fiamma media rigirandoli spesso e schiacciateli un pochino con il cucchio di legno affinchè facciano uscire bene il loro sugo. Quando si sono ammorbiditi salateli e proseguite la cottura a fiamma bassa. Nel frattempo cuocete la pasta in abbondante acqua bollente salata. Quando gli spaghetti saranno al dente scolateli e fateli saltare in padella con i pomodori a fiamma alta. Quando si saranno insaporiti per bene con il sugo spegnete la fiamma e aggiungete il pesto.
Mescolate e servite.


venerdì 23 aprile 2010

Carpaccio di salmone


Niente di più semplice...

INGREDIENTI per 2 persone:

200 g di salmone fresco tagliato sottile, sottile
il succo di un limone
prezzemolo fresco tritato
olio EVO
pepe nero

PROCEDIMENTO:

In una ciotolina mescolate 2 cucchio di olio, il prezzemolo, il pepe nero macinato fresco e il limone.
Disponete le fette di salmone sul piatto da portata e irroratele con il condimento.
Lasciate insaporire per 20/30 minuti prima di servire.

L'IDEA IN PIU': se volete potete aggiungere anche un pochino di scalogno tagliato sottile.

giovedì 22 aprile 2010

Gnocchi al gorgonzola con mandorle tostate


Sinceramente non ricordo dove avevo trovato questa ricetta...forse su uno dei tanti giornali di cucina che ho...non saprei proprio, tra l'altro sono anni che li preparo così e ancora non mi hanno stufata.
Ovviamente quando faccio gli gnocchi in casa è tutto un'altra cosa, ma in questo periodo non avrei proprio il tempo...appena riuscirò posterò anche quella ricetta.
Per ora li compriamo dal fornaio (che sono BUONISSIMI) oppure al supermercato compro quelli di Giovanni Rana, io li preferisco, sono morbidi e non sono di gomma!
Gli gnocchi con lo zola sono un piatto preferito da molti, un classico direi...ma questo tocco di mandorle tostate lo rende davvero unico.

INGREDIENTI per 2 persone:

450 g di gnocchi
80 ml di panna da cucina
100 g di gorgonzola dolce
2 cucchiai di mandorle a lamelle (io in casa avevo quelle intere, le ho rotte con un pestacarne)
pepe nero

PROCEDIMENTO:

Tostate le mandorle su una padella antiaderente calda a fuoco basso, devono dorare e attenzione a non bruciarle. Se usate quelle a lamelle, che sono molto sottili, ci vorranno meno di 2 minuti. In una padella molto larga sciolgliete il gorgonzola tagliato a cubetti a fiamma bassa, aggiungete la panna, mescolate e spegnete la fiamma. Cuocete gli gnocchi in una pentola con acqua bollente salata, quando verranno a galla scolateli con un mestolo forato e tuffateli nella padella con il gorgonzola. Accendete la fiamma e mescolate bene per far insaporire perfettamente gli gnocchi. Serviteli cosparsi di granella di mandorle tostate e pepe nero macinato fresco.

mercoledì 21 aprile 2010

Plum-cake alle carote


Questa ricetta è di Fulvia e l'originale la trovate qui.
Me l'ha consigliata quando avevo fatto un pessimo plum-cake...la ricetta non era una delle migliori e io non ero molto pratica con i dolci...ma sto imparando e devo dire che ho fatto progressi anche perchè le sue ricette sono davvero ottime, a breve vi posterò una sua torta di mele che ho fatto davvero particolare...ma non anticipo nient'altro :)

Per questa ricetta potete anche usare gli stampi dei muffin al posto dello stampo da plum cake e fare dei dolcetti come le Camille della Mulino Bianco :)

INGREDIENTI:

200 gr di carote
200 gr di zucchero
2 uova
100 gr di olio di semi
100 gr di latte
300 gr di farina
1 bustina di lievito
50 gr di mandorle macinate
un pizzico di sale

PROCEDIMENTO:

Grattugiare le carote e lasciarle scolare.
Setacciare la farina con il lievito ed il sale.
Lavorare le uova con lo zucchero, quando sono ben montate aggiungere le carote strizzate con le mani, l’olio, il latte e la farina mescolando senza smontare il composto, dall’alto in basso. Mettete l’impasto nello stampo da plum cake e infornare a 170°C fino a quando sarà ben dorato in superficie, fate la prova dello stecchino per essere sicuri.

Una volta raffreddato, spolverizzare di zucchero a velo.



martedì 20 aprile 2010

Onion Burger


Con tutti questi panini che ho pubblicato nella sezione Fast Food potrei anche aprirne uno vero...o anche una caffetteria americana...con un bancone grande e dei tavolini lungo una vetrata che si affaccia sulla strada, tutto in stile anni '50, con un Jukebox e le cameriere che servono caffè dalle brocche...sfornare apple pie e preparare hamburger e patatine...
Mi piacciono le caffetterie americane!

INGREDIENTI per 2 persone:

400 grammi di carne di manzo tritata
1 grossa cipolla bianca
4 fette di cheddar o sottiletta
2 panini per hamburger
le salse che più preferite (io amo il ketchup)

PROCEDIMENTO:

Sbucciate la cipolla e tagliatela ad anelli piuttosto spessi e metteteli a cuocere in una padella antiaderente senza olio, nè altri grassi.Lasciatela cuocere con un coperchio a fiamma media aggiungendo poca acqua se ve ne fosse bisogno. Proseguite la cottura finchè la cipolla sarà cotta e morbida. Fate 4 hamburger di carne molto larghi e ben piatti e grigliateli. Tagliate il pane e scaldatelo sotto il grill del forno per 3 minuti per far arrostire un pochino la parte interna. Componete il panino mettendo sulla base la cipolla, poi la carne, poi una fetta di formaggio, ancora carne, formaggio e chiudete con il pane.

Mettete nel forno che è già caldo per aver tostato prima il pane, lasciatelo anche spento, deve solo sciogliersi un pò il formaggio.

Quando i panini saranno ben caldi serviteli con le patatine fritte e in tavola mettete anche la salse così ognuno si servirà con quella che più preferisce.
Nel panino potete anche aggiungere una fetta di pomodoro e dell'insalata fresca.

lunedì 19 aprile 2010

...la Zu si sente scoraggiata

Anche se il blog è piccolissimo io sto pensando di chiuderlo.
Lo so, è aperto da poco e potrebbe ancora crescere ma ho scoperto girovagando qui e là che c'è gente che ruba ricette e foto dai blog di cucina...questa cosa mi ha innanzitutto scoraggiata e amareggiata e mi ha infastidita tantissimo perchè anche se voglio condividere le mie esperienza culinarie con tutti sono "Le ricette della Zu" e non le ricette delle trasmissioni televisive che si farebbero soldi usando ricette non loro.
Mi dispiacerebbe molto chiudere questo blog, ci tenevo molto ma non voglio che qualcuno si appropri di idee mie senza neanche chiedermi:"Posso?" come è già successo a qualche blogger.
Sono nel mondo dei blog di cucina da pochissimo tempo e proprio per questo sto pensando già di smettere.
Mi dispiace per le persone che mi seguono, anche se non ci sono molti commenti il contatore delle visite cresce ogni giorno di più, vuol dire che qualcuno che mi segue regolarmente c'è, soprattutto su facebook.
Mi dispiace davvero ma se dovessi trovare una mia ricetta su un giornale o in tv mi incazzerei seriemente, scusate il termine.
Ci penserò su nel frattempo...
Per il momento grazie.
E un grazie enorme a Fulvia che mi ha seguita fin da subito e mi ha spinta molto nella preparazione dei dolci con le sue fantastiche ricette.

venerdì 16 aprile 2010

Fettine di lonza in salsa di limone


Esperimento perfettamente riuscito!La salsa che sono riuscita a preparare è sorprendente!

INGREDIENTI per 2 persone:

4 fettine di lonza
1 limone (il succo filtrato)
2 cucchiai di fecola di patate per la salsa + per impanare la carne
olio di semi
1 cipolla bianca piccola
2 cucchiai di salsa di soja

PROCEDIMENTO:

Versate in una ciotola il succo del limone, la salsa di soja e la fecola.
Mescolate. Schiacciate tra due fogli di carta da forno le fette di lonza con un pestacarne. Infarinatele nella fecola e togliete quella in eccesso agitandole leggermente.
Tagliate la cipolla a pezzettini e soffriggete in una padella con l'olio.
Dopo 3 minuti circa mettete in padella anche le bistecchine di lonza e lasciatele cuocere da entrambi i lati. Date una mescolata alla salsa al limone preparata all'inizio (la fecola si deposita sul fondo) e versatela sopra le fettine di carne in padella.Lasciate rapprendere la salsa, ci vorranno circa 2 minuti e spegnete la fiamma.
Servite in tavola subitissimo!
Io le ho accompagnate con una bella insalata mista.

giovedì 15 aprile 2010

Pasta alla Norma Rivisitazione



La pasta alla Norma è un piatto originario della città di Catania, a base di pasta (solitamente maccheroni) condita con pomodoro, e con l'aggiunta successiva di melanzane fritte, ricotta salata e basilico.
Sembrerebbe che a dare il nome Norma alla ricetta sia stato Nino Martoglio, il noto commediografo catanese. Davanti ad un piatto di pasta così condito esclamò: "È una Norma!" ad indicarne la suprema bontà, paragonandola all'opera di Vincenzo Bellini.
Questa è la mia rivisitazione.

INGREDIENTI per 4 persone:

320 g di pasta (io ho usato i chifferotti rigati)
1 melanzanza
olio di semi
8 foglie di basilico
2 acciughe
1 cucchiaino di capperi sgocciolati
olive nere denocciolate, la dose scieglietela voi
peperoncino
1 scatola di pomodori pelati a pezzi
2 spicchi di aglio

PROCEDIMENTO:

Tagliate a dadini la melanzana e sbucciate l'aglio.
Soffriggete in un ampia padella l'aglio schiacciato con le acciughe, i capperi, il peperoncino e le olive. Togliete l'aglio e aggiungete le melanzane. Mescolate spesso e lasciate friggere per 10/15 minuti a fiamma media, o finchè le melanzane si saranno ammorbidite. Versate la polpa di pomodoro, mescolate, lasciate sobbollire e aggiungete il sale, ne basterà un pizzico. Se assaggiando vi accorgete che il pomodoro da un retrogusto acido aggiungete un cucchiaino di zucchero. Cuocete per altri 10 minuti finchè il pomodoro si sarà asciugato. Scolate al dente la pasta e tuffatela nella padella con il sugo.
Fatela saltare bene e mescolate per amalgamarla con il condimento.
Servite con foglie di basilico fresco e l'immancabile grattuggiata di ricotta salata!

mercoledì 14 aprile 2010

Polpette e verdure saltate in padella


Mia mamma mi aveva regalato delle polpette comprate dal macellaio di fiducia, erano polpette di carne di manzo macinata con prezzemolo e leggermente impanate.
Vediamo un pò cosa mi sono inventata...

INGREDIENTI per 2 persone:

6 polpette di carne macinata di manzo leggermente infarinate
1 grossa carota
2 cipolle rosse
pomodorini, scegliete voi la dose
1/2 peperone rosso
1/2 peperone giallo
1/2 peperone verde
1 bicchiere di vino bianco secco
olio
sale

PROCEDIMENTO:

Pulite le verdure e lavatele. Tagliate le carote alla julienne, i pomodorini in 4 spicchi, i peperoni a pezzi e la cipolla a spicchi. Scaldate l'olio in una padella e quando sarà caldo soffriggete le verdure e mescolate spesso. Quando le verdure si sono ammorbidite aggiungete le polpette e lasciatele rosolare prima su un lato, poi giratele.
Vi consiglio di appiattire un pò le polpette con i palmi delle mani per schiacciarle, in questo modo sarete sicuri che cuoceranno perfettamente anche all'interno.
Bagnate con il vino bianco e lasciate evaporare. A questo punto aggiungete i pomodorini, mescolate e salate. Se volete potete anche aggiungere un pochino di Curry in polvere!

Lasciate cuocere finchè le polpette diventano croccanti fuori e ben cotte all'interno ;)

martedì 13 aprile 2010

Spatzle con panna, zola e speck



Gli Spatzle sono gnocchetti di forma irregolare a base di farina di  grano tenero, uova e acqua. Sono originari della Germania ma diffusissimi anche in Tirolo,Svizzera e Italia settentrionale e ce ne sono di vari tipi, a seconda della forma e del luogo di origine cambiano il nome.Io prendo quelli  agli spinaci, sono deliziosi!

INGREDIENTI per 2 persone:

1 confezione di spatzle
1 cucchiaio di panna da cucina
70 gr di gorgonzola dolce
80 gr di speck a cubetti
pepe

PROCEDIEMENTO:

In una padellina antiaderente rosolate lo speck a dadini poi sciogliete il gorgonzola a pezzetti, aggiungete la panna e mescolate. Lasciate cuocere a fiamma bassa per qualche minuto, così lo zola si fonde per bene. Scolate gli spatzle precedentemente bolliti in acqua salata, hanno circa 2 minuti di cottura, e mescolateli nella padella conil condimento.
Una macinata di pepe e poi sono pronti per essere serviti.

Come avrete visto non ho usato ne olio ne burro per fare il soffritto con lo speck, la panna e lo zola sono già calorici di loro quindi quando posso evito. La preparazione del piatto è molto veloce ma anche originale infatti mi sono piaciuti subito la prima volta che li ho mangiati, ero al Kapuziner di Castelseprio, cucina bavarese!Buonissima! Se vi capita di passare da qualle parti andateci ;)

domenica 11 aprile 2010

Mini-Cotolette Impanate


Il ricordo di uno dei tanti pranzi a casa di mia nonna quando ero piccola:
al centro della tavola dei pezzetti di cotolette impanate raccolte in uno stesso piatto e chiunque poteva servirsene accompagnandole alle mille insalate che preparava: patate e peperoni arrosto con olive nere, insalata mista, broccoli al limone, taccole al pomodoro,patate fritte, bieta in insalata, pane casereccio a fette..Che tavola imbandita e che ricordi!Quasi quasi mi commuovo!

INGREDIENTI per 2 persone:

3 fettine di fesa di tacchino
2 uova
pan grattato
farina 00
2 cucchiai di grana grattuggiato
prezzemolo q.b
sale e pepe
olio per friggere

PROCEDIMENTO:

Sbattete le uova con un pizzico di sale, il pepe, il formaggio grattuggiato e il prezzemolo.Lavate, asciugate e tagliate a pezzi le fette di fesa di tacchino.
Infarinateli bene e poi sbatteli leggermente per togliere la farina in eccesso.
Passateli poi nell'uovo e successivamente nel pangrattato premendo con il palmo delle mani affinchè l'impanatura aderisca bene alla carne.
Friggete in olio caldo da entrambi i lati fino a quando saranno dorate e croccanti. Terminta la frittura tamponateli con carta assorbente da cucina per togliere l'unto in eccesso e servite.


Si possono anche preparare in anticipo e scladarle in forno prima di servirle,se sono di giornata non perdono la croccantezza...oppure potete mangiarle nel panino con una fetta di pomodoro e una splamata di maionese! ;)

giovedì 8 aprile 2010

Hot Dog


Ogni volta che si va all'IKEA per noi è tappa fissa!Lì gli hot dog sono buonissimi!!!
Mi sono sempre chiesta perchè si chiamasse Hot Dog...
All'inizio del XX secolo i New York Giants disputavano le loro partite di football, lo statunitense Henry M. Stevens pensò di distribuire tra le folle presenti allo stadio i dachshund sausages, gli hot dog.
Il nome hot dog venne dato a questi panini dal disegnatore di vignette sportive P.A. Dorgan. Egli raffigurò un panino con dentro un bassotto, associando il würstel a questo cane, che era anch'esso lungo e tedesco e dato che i venditori chiamavano la gente dicendo "get your dachshund sausages while they're red hot" cioè "prendi la tua salsiccia mentre è ancora calda", da lì prese il nomignolo equivoco hot-dog.
Soprattutto negli Stati Uniti si tengono delle gare annuali a "chi mangia più hot dog", gare a cui tutti possono partecipare. Vince chi mangia più hot dog allo scadere del tempo (solitamente 10 minuti), unico aiuto fiumi di birra o a volte di Coca-Cola.
Guardate questo hot dog da guinnes dei primati: misurava quasi 61 metri!!!


 INGREDIENTI:
1 panino bianco o al latte lungo e stretto
1 wurstel
senape, ketchup o la salsa che più preferite
Roasted Onion

PROCEDIMENTO:

Mettete a bollire il wustel in acqua bollente per 10 minuti, oppure se preferite potete cuocerlo anche alla griglia.
Scaldate il pane già tagliato nel mezzo, ma non diviso completamente, sotto il grill del forno per 3 minuti.
Scolate il wurstel quando sarà morbido, togliete dal forno il pane.
Farcite il panino con il wurstel, le salse e ultimate con la granella di cipolla!


Devo dire che questo panino è ben farcito!


Vi presento l'assaggiatore ufficiale delle mie ricette, Albi.

mercoledì 7 aprile 2010

Plum Cake valdostano: prosciutto cotto e fontina


Quando è uscito dal forno non volevo crederci: alto, soffice...buono!Ed è stato semplicissimo prepararlo!

INGREDIENTI:

3 uova
100 ml di latte
100 ml di olio di semi
300 gr di farina 00
100 gr prosciutto cotto a dadini
100 gr fontina
20 gr di parmigiano grattugiato
1 bustina lievito istantaneo
sale e pepe

PROCEDIMENTO:

In una terrina montate le uova con sale e pepe. Quando le uova saranno spumose,unite il latte e l’olio a filo. Aggiungete poi all’impasto la farina a pioggia.
Unite al composto il prosciutto cotto, la fontina,il parmigiano,la bustina di lievito  stantaneo per torte salate e amalgamate il tutto.Imburrate uno stampo per plumcake e infarinatelo. Versate all’interno dello stampo il composto e livellatelo il più possibile.
Infornate il plumcake in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti.
Fatelo raffreddare, tagliate a fette e sevite.

martedì 6 aprile 2010

Scarola saltata in padella con aglio, olio e peperoncino




La scarola appartiene alla famiglia delle Compositae, la stessa della cicoria, ed è originaria dell'Europa. Apprezzata fin dall'antichità per le sue proprietà toniche, depurative e diuretiche, molto indicata per le diete dimagranti anche per lo scarso contenuto di calorie.
La mia nonna mi aveva cucinato un giorno questa verdura e da lì spesso me la preparo, per me sola...Albi non la mangerebbe nemmeno sotto tortura!

INGREDIENTI:

1 cucchiaino di olio evo
1 peperoncino piccante
1 piccolo cespo di scarola
1 spicchio d'aglio
sale

PROCEDIMENTO:

Lavate la scarola in acqua fredda, asciugatela bene.
Scaldate in una padella l'olio con il peperoncino e l'aglio, quando l'aglio sarà biondo toglietelo dala padella e aggiungete la scarola. Lasciate cuocere a fiamma bassa per 10/15 minuti affinchè la scarola si sia stufata per bene mescolando ogni tanto e con un coperchio. Dopodichè togliete il coperchio e lasciatela cuocere altri 5 minuti sempre a fiamma bassa. Aggistate di sale e se volete potete aggiungere delle olive nere snocciolate.

La preparo come contorno ma, siccome la mangio solo io, mi era avanzata e una sera ho voluto provare a condire con la pasta e devo dire che era deliziosa!(Non so voi ma io la pasta la mangio con tutto.)

 Ho preparato un sugo veloce con olio, uno spicchio d'aglio che una volta rosolato ho tolto dalla padella, ho aggiunto un pò di polpa di pomodoro a pezzi e ho lasciato cuocere per 10 minuti, sale, ho aggiunto la scarola e condito la pasta precedentemente cotta in acqua bollente salata.


Inoltre, in Campania, fanno una pizza con la scarola saltata in padella con olio e peperoncino come ho scritto sopra ma con l'aggiunta di olive nere e uvetta ;)

Risotto con zola e radicchio


Amo i risotti e per questo ho dedicato una categoria tutta per loro al di fuori dei primi piatti. Preparare un risotto per me è un grande piacere, mescolare e mescolare, aggiungere brodo e mescolare con cura. Li adoro anche perchè si possono fare in mille modi e mi piacciono sempre...quello che serve è un buon brodo.

INGREDIENTI per 2 persone:

1 l circa di brodoveg
6 pugni di riso già lavato e sgocciolato
1/2 cipolla bianca
1 noce di burro
2 cucchiai di grana grattuggiato
1 bicchiere di vino bianco secco
100 g di gorgonzola dolce
un cespo di radicchio

PROCEDIMENTO:

Tagliate la cipolla sottile e mettetela a soffriggere con una noce di burro e il radicchio, precedentemente lavato e tagliato, lasciate soffriggere per 5 minuti. Aggiungete il riso,lasciate tostare per un paio di minuti e bagnate con vino bianco secco, alzate la fiamma e fate evaporare tutto l'alcol. Quando il vino sarà completamente evaporato aggiungete 1 o 2 mestoli di brodo ogni volta che il brodo si assorbirà nella cottura.
E continuate cosi fino a che il riso sarà cotto. A fine cottura spegnete la fiamma, aggiungete il gorgonzola a pezzi e il formaggio grattuggiato,mescolate. Coprite per 5 minuti con un telo da cucina.
Spolverizzate di prezzemolo fresco tritato e servite.

Related Posts with Thumbnails